giovedì, ottobre 05, 2006

[34]Rachele aveva preso gli idoli e li aveva messi nella sella del cammello, poi vi si era seduta sopra, così Làbano frugò in tutta la tenda, ma non li trovò. [35]Essa parlò al padre: «Non si offenda il mio signore se io non posso alzarmi davanti a te, perché ho quello che avviene di regola alle donne»

"Ellamadoooonna!!" (con accento milanese) disse Labano "Addirittura da non poterti alzare! Vabbè che non hanno ancora inventato gli assorbenti, ma dio bono..."

[36]Giacobbe allora si adirò e apostrofò Làbano, al quale disse: «Qual è il mio delitto, qual è il mio peccato, perché ti sia messo a inseguirmi? [37]Ora che hai frugato tra tutti i miei oggetti, che hai trovato di tutte le robe di casa tua? Mettilo qui davanti ai miei e tuoi parenti e siano essi giudici tra noi due.

ehm.... i parenti di Labano sono anche parenti di Giacobbe... ma credo che le figlie/mogli siano più dalla parte di chi ha loro fornito prestazioni per 13 anni....

[38]Vent'anni ho passato con te: le tue pecore e le tue capre non hanno abortito e i montoni del tuo gregge non ho mai mangiato.

"E come mai quel cartello "ristorante da Giacobbe, specialità agnello"?"
"Errore di battitura."

[39]Nessuna bestia sbranata ti ho portato: io ne compensavo il danno e tu reclamavi da me ciò che veniva rubato di giorno e ciò che veniva rubato di notte.

Grandioso, Giacobbe faceva anche da compagnia assicurativa, e Labano tra l'altro poteva truffarlo a piacimento facendo rubare le sue stesse pecore!

[40]Di giorno mi divorava il caldo e di notte il gelo e il sonno fuggiva dai miei occhi. [41]Vent'anni sono stato in casa tua: ho servito quattordici anni per le tue due figlie e sei anni per il tuo gregge e tu hai cambiato il mio salario dieci volte.

OMMIODDIO! "ho servito 6 anni per il tuo gregge" vuol dire che voleva sposarsi anche le pecore?

[42]Se non fosse stato con me il Dio di mio padre, il Dio di Abramo e il Terrore di Isacco, tu ora mi avresti licenziato a mani vuote; ma Dio ha visto la mia afflizione e la fatica delle mie mani e la scorsa notte egli ha fatto da arbitro».

"il terrore di Isacco". Bel termine per indicare l'articolo 18... per Labano era troppo incasinato licenziarlo, aveva i sindacati alle costole, e allora aveva provato con il mobbing.

1 commento:

sarmigezetusa ha detto...

mmmmmmm