venerdì, luglio 14, 2006

[1]Abramo era ormai vecchio, avanti negli anni, e il Signore lo aveva benedetto in ogni cosa. [2]Allora Abramo disse al suo servo, il più anziano della sua casa, che aveva potere su tutti i suoi beni: «Metti la mano sotto la mia coscia

Oddio! Mi sembra il ducaconte che dice a Fantozzi "mi metta la mano sul culo"

[3]e ti farò giurare per il Signore, Dio del cielo e Dio della terra, che non prenderai per mio figlio una moglie tra le figlie dei Cananei, in mezzo ai quali abito, [4]ma che andrai al mio paese, nella mia patria, a scegliere una moglie per mio figlio Isacco».

Vediamo ancora citati i negozi di mogli che all'epoca erano molto in voga. Uno andava in viaggio e anzichè spedire una cartolina spediva una moglie. E comunque notiamo con dispiacere che Abramo è decisamente razzista.

[5]Gli disse il servo: «Se la donna non mi vuol seguire in questo paese, dovrò forse ricondurre tuo figlio al paese da cui tu sei uscito?».


Ma pensa! Un servo di Abramo che gli fa una predica sui diritti umani... giustamente non è che se uno dice "ehi tu, ti prendo in moglie per Isacco, vieni andiamo a fare 500 km" l'altra risponde "oh sì che bello aspetta che avverto i miei"

Gli rispose Abramo: «Guardati dal ricondurre là mio figlio! [7]Il Signore, Dio del cielo e Dio della terra, che mi ha tolto dalla casa di mio padre e dal mio paese natio, che mi ha parlato e mi ha giurato: Alla tua discendenza darò questo paese, egli stesso manderà il suo angelo davanti a te, perché tu possa prendere di là una moglie per il mio figlio. [8]Se la donna non vorrà seguirti, allora sarai libero dal giuramento a me fatto; ma non devi ricondurre là il mio figlio».


Per me la storia di dio è venuta fuori perchè Abramo a UR era pieno di debiti, e ormai tutti quanti erano stati con Sara quindi non poteva più sbarcare il lunario. Dunque è partito. Ma se suo figlio tornasse, sa bene che sconterebbe ogni debito con gli interessi di circa 100 anni.

9]Allora il servo mise la mano sotto la coscia di Abramo, suo padrone, e gli prestò giuramento riguardo a questa cosa. [10]Il servo prese dieci cammelli del suo padrone e, portando ogni sorta di cose preziose del suo padrone, si mise in viaggio e andò nel Paese dei due fiumi, alla città di Nacor.

Non vorrei dire... ma se ha preso cose preziose, comunque inutili per un viaggio, c'è il sospetto che non torni più a casa... "cosa mi serve per il viaggio? mmm vediamo... diamanti, oro, soldi... sì c'è tutto"

[11]Fece inginocchiare i cammelli fuori della città, presso il pozzo d'acqua, nell'ora della sera, quando le donne escono ad attingere.

Ma che devoto! Pure i cammelli fa inginocchiare per pregare!

4 commenti:

Z3RØ ha detto...

Metti la mano sotto la mia coscia

Ti giuro messia, che quando lessi questo pezzo, scagliai la Bibbia contro il muro e mi rotolai in terra dal ridere :D

Poi ho cercato di fare ricerche sul perchè di questo gesto, ma non ho mai trovato nulla (poi magari era scritto nelle note sulla Bibbia...ora mi viene il dubbio...)

Cambiando discorso, per chi aveva seguito la mia vicenda con gli Evangelici (conlcusa in una bolla di sapone), vi dico che ho aperto un blog dove sto continuando la mia analisi sui Vangeli:

http://biblia.wordpress.com

Mettetemi una mano sotto la coscia, sperate che non tiri vento, e venitemi a trovare ^^

Kayurin ha detto...

I cammelli che si inginocchiano?

Se non ricordo male e' perche' i cammelli si accucciano per riposare, a differenza dei cavalli...

The Wolf ha detto...

Erano al circo

Juspolo ha detto...

mhmm.. che strano giuramento..
sicuri che la cosa non sia degenerata ora che non c'è + sara?