lunedì, marzo 13, 2006

Il seminatore prese il suo trattore Jurgenheinrich e uscì a seminare.
Una parte del seme cadde sull'autostrada A4, dando seri problemi ai tir che viaggiavano nella carreggiata, tanto che uno, scivolando sulla semente, sbandò, invase la corsia opposta e investì in pieno un pullman che stava portando svariati giovanissimi fedeli a Lourdes. I rimanenti semi sulla strada furono divorati dagli uccelli, anche se nessuno di loro riuscì ad evitare di essere spiaccicato dai veicoli.

Una parte cadde nel terreno sassoso, e vista la scarsa profondità del terreno germogliò subito. Purtroppo il terreno sassoso era la massicciata di un binario, le piante mettendo le prime radici danneggiarono i binari, risalenti ad epoca austroungarica, provocando il deragliamento di un interregionale con molti bambini a bordo.

Una parte cadde in messo ai rovi. Ma rovi talmente appuntiti e talmente affilati, che il seminatore non ebbe alcuna voglia di toglierli per far crescere le piante. Non solo: le spine crebbero, segno che sotto erano stoccati rifiuti nucleari che resero dei rami secchi dei mutanti che crescevano e soffocavano le piante.

Una parte (ovvero un quarto) finì sul terreno buono. Subì una siccità senza fine, e subito dopo un'alluvione. Tuttavia delle sante sostanze concimanti chimiche salvarono il raccolto, che venne su piuttosto bene e fu venduto a prezzi come sempre da denuncia presso i supermercati.

Inutile dire che il seminatore fu licenziato per aver letteralmente buttato via 3/4 dei semi, che mica sono gratis, e per essersi strafregato di dove li buttava.



La morale è semplice. Il seme è la parola cristiana. Dopo essere germogliato, abbiamo una situazione ambigua: il fedele da una parte nota che non c'è un omino invisibile che influenza la sua vita, o almeno si accorge che deve rimboccarsi lui le maniche (la siccità), e dall'altra vede della gente vestita con abiti buffi e costosi dire vagonate e vagonate di parole (l'alluvione) per tenerlo a sè e continuare a spillargli l'8 per mille. Alla fine, per avere un fedele maturo, serve un piccolo aiutino chimico, chiamiamo concettualmente questo concime oppio....

45 commenti:

fabio ha detto...

naaaaaaaaaaaaaaa... l'oppio è troppo debole... rimarrebbe ancora qualche tendenza di libero pensiero ed ecco che zacchete!!! il fedele si accorge dell'assenza del mitico omino invisibile e abbandona la religione... io andrei più su mescalina ed anfetamine... quelle si che potrebbero fare credere anche me nell'esistenza di dio (fortuna che non le ho mai provate.... fiuuuuuuu)

Z3RØ ha detto...

E poi si sveglia bagnato in un fosso e senza un rene...

...ma con tanta, tanta, fede in più

The Wolf ha detto...

la gente drogata (di droga o fede) fa bene alle gerarchie.

Kayurin ha detto...

Peyote e alcool, cosi' i maya incontravano dio...

BlackNumb86 ha detto...

eccerto, e a puttane secoli di storia!

ragà chiariamoci qui e subito se si scherza, si scherza se si vuole invece fare discussioni serie (alias also sprach ratzinger) si fanno discussioni serie.

Il Messia ha detto...

guarda, di QUEI secoli di storia non me ne vanterei più di tanto.

Se voglio fare discussioni serie vado su un forum. Questo è un blog satirico. Ed è normale che spesso la satira sia uno spunto per discussioni serie.

E detto questo, non vedo perchè siano necessari chiarimenti, visto che non sono certo cose che vado a scrivere in siti altrui.

Kayurin ha detto...

"eccerto, e a puttane secoli di storia!"

Se sono i secoli in cui si mettevano al rogo le donne con l'accusa di stregoneria:

Si'...

Se sono i secoli in cui si mettevano al rogo gli scenziati con l'accusa di eresia:

Si'...

Se sono i secoli in cui si istigava alla guerra verso chi aveva credenze religiose diverse:

Si'...

Probabilmente senza quei secoli di storia le donne avrebbero conquistato la parita' prima, ci saremmo messi in pari a livello astrologico con i maya senza problemi e i musulmani non ci darebbero addosso...

eCo ha detto...

sono d'accordo.
a) è un blog satirico.
b) le discussioni serie partono molto bene da un trattazione satirica di un argomento.

concordo anche sulla affermazione dei secoli. temo che la chiesa abbia pochi meriti da vantare nei secoli dei secoli. amen

(OT: Daunt, ti ricordi di me? sono Kisaz :) ti sn ancora grato per i dibattiti politici. ho imparato molto. davvero complimenti per il blog. i passi citati con contraddizione mi sono davvero piaciuti)

Il Messia ha detto...

chi ti ha detto che ero io?

Filosofo ha detto...

"Probabilmente senza quei secoli di storia le donne avrebbero conquistato la parita' prima"

o magari non l'avrebbero conquistata affatto, senza soprusi l'uomo non si sveglia una mattina per fare la rivoluzione...

Purtroppo i soprusi ci sono stati.. e la parità è stata conquistata.. ;-)

Kayurin ha detto...

@Filosofo: Dipende, per alcune culture la donna era gia' messa a pari con l'uomo prima dell'avvento del cristianesimo...

The_Dreamer ha detto...

Occhio che le donne nella storia con o senza il cristianesimo non è che se la siano passata tanto bene.

La chiesa dei secoli dei secoli amen ha avuto i pregi di assistere la gente non voluta da nessuno ad esempio poveri e malati.
Suore, monaci, frati e missionari (vengono dalla chiesa) in testa che anche oggi fanno quello che gli altri non hanno il coraggio di fare. Donare il proprio tempo e la propria vita agli altri. Questo non lo vedi in cardinali imbellettati che fanno bella mostra di se su Rai1 alla messa la domenica ma io lo sento raccontare da chi ha visto, da chi c'è stato. Quando uno torna dal Perù dopo soli 4 mesi è cambiato dentro, te lo garantisco perchè l'ho vissuto sulla pelle. E' lì, attraverso le azioni di tutte queste persone che io "vedo" Dio

Kayurin ha detto...

Perdonami ma ho stima molto bassa dei missionari...

Non so' se le cose siano cambiate, ma un tempo i missionari partivano ed andavano a "convertire" le popolazioni che "non conoscevano dio"...

E' vero, hanno portato cultura in paesi dove regnava l'ignoranza, insegnavano a leggere e a scrivere ai bambini ed agli adulti... Pero' l'avrebbero fatto se le popolazioni di cui sopra non avessero accettato di battezzarsi e battezzare i loro figli?

Non dico che i missionari non abbiano avuto o abbiano tuttora meriti, ma non sono anche uno strumento di propaganda "politica"?

Perche' si dica quello che si vuole, ma la religione ha sempre voluto avere le mani sull'organizzazione civile di regni e stati...

Il Messia ha detto...

fondamentalmente il fare del bene non è una prerogativa dei missionari. ci sono molti modi per fare del bene. Confucio dice "se vedi un affamato non dare del riso ma insegna a coltivarlo", è un concetto diverso dalla "carità" tipica della cultura cristiana e musulmana. Quel tipo di carità è effimera, non risolve nessun problema ma lo rimanda (con l'effetto collaterale di far star bene chi la opera).

eltarion ha detto...

Concordo su quanto detto a proposito dei misisonari. E' un bel gesto quello fatto dai missionari cristiani e spesso fatto con buona volontà. Però se ci si pensa un attimo mettendo da parte il perbenismo, ci si accorge che in effetti può apparire con una specie di ricatto. "Io aiuto la tua civiltà, tu però diventi cristiano". In effetti per un cristiano diffonder eil cristianesimo è un'opera buona e magari può sembrargli strano il fatto che una società o una cultura non voglia essere cristianizzata. Alla fine quindi portando aiuti e pensando del fare del bene portando la parola di Gesù (spero in buona fede - lol gioco di parole) finiscono per distruggere intere culture. Un'organizzazione laica invece potrebbe portare servizi e aiuti senza fare propaganda e rispettando la cultura e la religione della civiltà che si va ad aiutare.

BlackNumb86 ha detto...

io vedo la chiesa in un contesto storico, e sicuramente è una evento storico importante.
infatti non è questione di vantarsi o meno dei secoli di chiesa ma accettarli e studiarli per fare meglio al posto loro

BlackNumb86 ha detto...

il discorso di elatarion si può fare mettendo al posto di chiesa macdonald

BlackNumb86 ha detto...

però ha molto senso... e si può applicare a molte idee. per questo bisogna conservare l'oggettività cosa non sempre facile (per un verso o per l'altro) quando una corrente ci è così vicina.
E' indubbio però, che almeno teoricamente la chiesa sia un'entità benevola.

E' chiaro che poi nel corso della storia ci si siano puliti il culo con questa teoria...

Ma compito di noi atei non è buttare nel cesso tutto quanto e rifare da 0, perchè non ne abbiamo il tempo.

piuttosto compiere un opera di setaccio pulendo i principi che sembrano attualmente giusti dalla grana della superstizione e dalla strumentalizzazione di un entità potente come la Chiesa (che comunque non ci sopravviverà mai)

eltarion ha detto...

In che senso compiere un'opera di setaccio?

Io non credo che eliminando i precetti più negativi della chiesa le cose andrebbero meglio.
Il problema è la chiesa stessa come istituzione.
Anche se non sento il bisogno credo che ognuno abbia il diritto di vivere una propria spiritualità, cosa che però non ha nulla a che vedere con la McChiesa.
In conclusione quindi non vedo utile un attività di setaccio, la soluzione è smaltire la Chiesa come istituzione, beni, poteri ecc

BlackNumb86 ha detto...

vero, ma questa è una cosa che si potrà fare nel tempo e non nell'immediato.

eltarion ha detto...

Ovvio, non è possibile una trasformazione così radicale nell'immediato
Anche fare un'azione di "setaccio" però come dicevi tu non è qualcosa che si può fare nell'immediato
Scusate se cado dinuovo nel politico ma secondo me è strettamente collegato. Lo smaltimento della chiesa è una conseguenza dell'eliminazione della classe borghese che non è affatto scomparsa, semmai a cambiato leggermente volto rispetto all'epoca di Marx ma è tutt'ora presente e preserva la sua funzione!

fabio ha detto...

uscendo dal seminato degli ultimi post vorrei ritornare un attimo indietro... e mi riferisco a The_dreamer. concordo pienamente con quanto detto da Kayurin, il messia ed eltarion e ti cito un esempio: emergency. creata e tenuta in piedi da un uomo praticamente ateo, quest'organizzazione è l'unica (o comunque una tra le poche, ora mi viene in mente solo medicins sans frontieres oltre a lei) che oggi porti attivamente aiuto e speranza nei paesi sottosviluppati del mondo. ora tu dimmi: vedi in loro dio? ricorda che sono medici, uomini di scienza, che usano le loro conoscenze, osteggiate nei secoli bui del medioevo dalla chiesa con roghi, torture e ammennicoli vari, per salvare vite umane e per dare speranza (e tutto questo senza dover parlare di omini invisibili che creano mondi, e li distruggono, e puniscono, e osservano, e sparafleshano raggi laser dagli occhi, e sono uno e trino e quaterna, e fanno tombola anche senza cartella etc. etc. e senza dover distruggere secoli di storia poichè ritenuta blasfema ed inferiore in quanto non cristiana ed obbligando interi popoli ad abbandonare le loro credenze e le loro usanze contenute in quei secoli). c'è da dire che anche la chiesa s'impegna ad aiutare i paesi poveri: dicendo di non usare profilattici durante i rapporti sessuali (ah beh, effettivamente rischio zero di prendere l'aids in posti come ghana o angola...), dando l'ultima unzione a persone che hanno semplici raffreddori (e costringendole a livello morale a non farsi visitare da medici ed ad accettare la morte come dato di fatto) e dispensando a destra e a manca preghierine al posto di medicinali o cibo... ora sinceramente voglio dire una cosa... se la situazione è questa beh: MENO DIO PIU' EMERGENCY PLEASE

The_Dreamer ha detto...

Non ho certo detto che un non-missionario non può fare del bene!
Io faccio parte di un'associazione, non sono un missionario in prima persona ma il giovedì pomeriggio lo adopero per la carità che si differenzia dal volontariato perchè io non ho un rimborso spese o uno stipendio.
Lavoro per fare soldi perchè laggiù ci sia una casa in più, per poter sfamare una bocca in più, per sostenere chi dona la vita al prossimo.
I missionari appunto che stanno 4 mesi, 2 anni o permanentemente in america latina... Bolivia Equador Perù e Cile.

Insegnare ai poveri a guardarsi indietro (perchè c'è sempre uno più povero di te, anche fra i poveri) e insergnare loro un mestiere nei "Taller" (questo per rispondere a "il messia") e dare loro lavoro tramite cooperative che vendono equo solidalmente in italia e USA. Far sì che non si perdano andando a ingrossare le masse di sbandati nelle metropoli questa è la nostra missione.

POLITICA? Cosa gliene viene alla chiesa come organismo se acquista un milione di fedeli (che non hanno niente) in più? mica pagano le tasse come ad uno stato!
Io preferisco un milione di persone vive! Vi racconto un fatto, a Nuova Manciuria nell'Ancash (453 anime) quest'estate sono stati gli stessi abitanti a chiedere una piccola cappella per poter pregare. I padri di famiglia hanno fatto a turno per poterci lavorare insieme con i ragazzi Italiani

The_Dreamer ha detto...

La chiesa ti dice di non usare il preservativo perchè in teoria il problema dell'AIDS non ci dovrebbe proprio essere.
La chiesa ti dice niente rapporti al di fuori del matrimonio, se te ne sei infischiato una volta vuol dire che non hai voglia di ascoltare e quindi non hai il problema di farti influenzare

Devo forse ricordare a qualcuno che i medici di Medici senza frontiere sono strapagati e i medici che fanno queste scelte salgono in graduatoria? (Detto da un medico che l'ha fatto, adesso prende più soldi di prima). La stragrande maggioranza fa i suoi mesi e poi torna alla sua vita, qui io sto parlando di gente che ci sta tutta la vita. Nel 1991 in Bolivia Padre Daniele e "il giulio" dopo numerose minacce di morte sono stati assassinati dai terroristi perchè non volevano che aiutassero la gente. Da quel momento sono martiri della carità.

BlackNumb86 ha detto...

questo è quello che intendo quando dico che un energia può essere indirizzata in più direzione anche opposte.

Per rispondere a Fabio: io non ho mai detto che la chiesa sia candida e immacolata e che i medici invece siano creature blasfeme... Ma quando mai!!!

Ho detto solo che la parte positiva della chiesa reagisce agli stessi stimoli che muovono medici senza frontiere il che al massimo dimostra che dio in certi stimoli non c'entra niente, o forse che li ha dati a tutti indiscriminatamente...

D'altronde a voler fare un parallelo . Anche la classe dei medici non sono proprio immacolati... gli esperimenti sulle minoranze della a storia moderna, il business della medicina e cose così...

Anche questo si può riportare al concetto di neutralità delle forze, le quali si limitano ad esistere e ad aspettare qualcuno che le usi per i suoi fini.

eCo ha detto...

lol messia, ti ho spaventato non era mia intenzione. ho trovato per caso il tuo blog linkato a personaggi precari. sul tuo blog c'erano testi comuni a questo blog. easy. se vuoi tengo privata la tua identità, asd.
è così che saluti un vecchio amico?

eCo ha detto...

lol messia, ti ho spaventato non era mia intenzione. ho trovato per caso il tuo blog linkato a personaggi precari. sul tuo blog c'erano testi comuni a questo blog. easy. se vuoi tengo privata la tua identità, asd.
è così che saluti un vecchio amico?

Kayurin ha detto...

"POLITICA? Cosa gliene viene alla chiesa come organismo se acquista un milione di fedeli (che non hanno niente) in più? mica pagano le tasse come ad uno stato!"

La chiesa persegue scopi politici, non lo sapevi? I sacerdoti all'epoca ricordavano ai "buoni fedeli" che non si doveva votare Comunista perche' erano eretici che mangiavano i bambini... La Chiesa suggerisce di non andare a votare per i referendum sugli argomenti che lei reputa "immorali"...

Ed ora a prescindere dal condividere o meno il pensiero sulla moralita' e sul comunismo...

Non e' fare politica questo?

eltarion ha detto...

Scusate ma dire che i medici di senza frontieri sono strapagati è come dire che berlusconi è amico degli operai!
Un mio amico è medico senza frontieere ed è stanzionato in Africa per più di 6 mesi l'anno ed è pagato poco più di un operaio che lavoro nello stesso luogo. Con i soldi che guadagna ovviamente non potrebbe neanche comprarsi una macchina in Italia, questa però è una sua scelta.
L'importante è non fare disinformazione.
Il binomio chiesa/politica c'è e c'è sempre stato. Lo scorso papa ha contribuito a far cadere il comunismo in molti paesi e non ha mai rifiutato di stringere la mano anche ai dittatori peggiori. Nel passato l'ingerenza della chiesa nella politica era più evidente e aveva metodi più evidenti, ora è un po' più sottile e subdola ma forse anche più efficace.

The_Dreamer ha detto...

Già peccato che i veri comunisti facevano tutto meno che andarsene in chiesa visto che erano atei.

I sacerdoti quindi potevano influenzare solo i comunisti che andavano in chiesa e non penso che i comunisti iscritti al partito avessero molta voglia di farsi vedere in chiesa.

Quando Giovanni Paolo II ha incontrato Arafat o altri dittatori lo ha fatto per chidere la pace in terrasanta e la fine della guerra. Ha messo il dialogo dove prima si sparava e basta. Non dico che si sia smesso di sparare però il lavoro è stato iniziato.

La chiesa ha chiesto di non andare a votare ai suoi fedeli perchè la vita non è cosa su cui scherzare.
Il referendum prevedeva l'utilizzo di embrioni inseminati quindi di esseri umani già vivi per scopi terapeutici su altre persone... e gli embrioni servivano soltanto a quello non è che tipo facevano una trasfusione dall'embrione e quest'ultimo restava vivo... manco per il cavolo!
Se una persona non può avere figli propri perchè sterile ci sono quelli che non riconosco il figlio.

Ah, fra parentesi è risultato votante il 15% degli aventi diritto questo vuol dire che all'italiano non gliene frega più un cazzo di niente, da 10 anni a questa parte non si raggiunge il quorum che la chiesa si esprima oppure no!

eltarion ha detto...

Preferisco chiudere la discussione sul comunismo perchè si spingerebbe troppo oltre.
Vorrei però rispondere alla questione del referendum.
E' vero probabilemnte che molti italiano non siano andati a votare "perchè non gliene frega un cazzo". Il problema (oltre alla disinformazione che cmq non ha spinto molti ad andare a votare) è che un'istrituzione quale è la chiesa non può permettersi di dire ai propri fedeli (ai quali per anni e anni tra l'altro ha fatto un lavaggio del cervello degno di quelli dei servizi segreti) di "non andare a votare". Certo è un suo diritto avere una posizione morale e diffondarla attraverso il suo apparato, ma arrivare addiritura a spingere su una decisione POLITICA vera e prorpria quale è la decisione di non votare è davvero andare troppo oltre il prorpio ambito. Tu definisci l'embrione come essere umano a tutti gli effetti, ma questa è solo una tua concezione, non un dato di fatto provato scientificamente. E' solo un opinione che ovviamento è discorde con quella della maggior parte degli scienziati italiani e non. Poi una cosa un po' infantile che mi sono sempre chiesto è: "ma comne cazzo fa un prete a parlare di mogli, famiglia, figli ecc se non ne ha?????" Più in generale coem fa un uomo a decidere (uso la parola decidere per differenziare da offrire un opinione) su un fatto che gli appartiene solo di riflesso? E' la donna che dovrebbe avere l'ultima parola su fatti che la riguardono direttamente come l'inseminaziuone aretificiale e soprattutto l'aborto.

The_Dreamer ha detto...

La chiesa ha detto di non andare a votare perchè non poteva allineare il suo pensiero né con il "sì" e nè con il "no". L'astenuto può o essere indifferente e quindi si rifà alla maggioranza oppure non essere daccordo sul principio di cui si vuole discutere. Se referendum fosse passato il cattolico non avrebbe impedito ad altri di utilizzare quella tecnologia, lui semplicemente non l'avrebbe usata.

Sai perchè i preti non hanno moglie? Perchè un uomo normale non potrebbe dedicare il tempo agli altri come fa un sacerdote, avrebbe degli obblighi familiari da eseguire che lo distoglierebbero dal suo dovere.

Gli imbrioni SONO esseri umani perchè sono VIVI! I mammiferi sono tutti vivipari, cioè partoriscono figli vivi e la vita comincia quando lo spermatozoo entra nell'ovulo e lo feconda.
Spiegami la differenza fra un embrione di 1 giorno e uno di 4 mesi (quando non è più possibile eseguire l'aborto salvo casi eccezionali). Le cellule di quello di un giorno contengono già tutto il patrimonio genetico di entrambi i genitori e se lasciato crescere si forma con il passare del tempo. Le cellule nascono crescono e muoiono come nell'adulto.

Eh sì proprio di riflesso gli appartiene all'uomo, un figlio è proprio solo un riflesso sull'uomo... o meglio su un genitore. Comuqnue il referendum non esauriva certo qui! ce n'erano 4 in uno ricordiamocelo bene. Anche sull'aborto è uguale tu stai cercando di ammazzare tuo figlio ceh non è solo tuo perchè lo portiin grembo ma anche mio. Quindi l'ultima parola se proprio vogliamo uccidere qualcosa che è nato da entrambi spetta a tutti e due i genitori non certo solo alla madre.

The_Dreamer ha detto...

Vorrei chiedere a "il messia" il permesso di poter postare un link che spiega cosa intendo per martiri della carità. Prima ho nominato Padre Daniele e "il giulio". Ci terrei a farvi sentire una canzone scritta dai suoi amici dopo la morte di Padre Daniele, peccato che sia in spagnolo. Si intitola "Quedate, voy yo" che significa "fermati, vado io" se posso mettere il link capirete perchè mi ha commosso.

Il Messia ha detto...

kein problem. Se lo posti qui...

The_Dreamer ha detto...

The_Dreamer ha detto...
Non sapendo il significato di "kein" me lo sono andato a cercare ^_^". In cima c'è una scritta "hanno lasciato un segno...", è quella che parla di loro, date un'occhiata anche a quella del Padre Ugo, Confucio arriva perfino sulle Ande ^_^

www1.popolis.it/Sierraandina/pagine/fr_chi "punto" html
(ho dovuto scrivere il "." così sennò tutto attaccato non me lo metteva il link)

eltarion ha detto...

"Le cellule di quello di un giorno contengono già tutto il patrimonio genetico di entrambi i genitori e se lasciato crescere si forma con il passare del tempo. Le cellule nascono crescono e muoiono come nell'adulto."

Bhe s eparliamo di cellule che posseggono una corredo generico...allora anche una bistecca andrebbe bene :)
Battute a parte...
* L'essenza dell'uomo non si riduce al suo patrimonio genetico.
* La vita embrionale ha un valore morale crescente in funzione dello stadio di sviluppo fetale, però questo valore non sarà mai uguale alla vita della persona alla sua nascita.
* L'embrione non è una "vita indipendente". Può svilupparsi solo dentro e mediante il corpo della donna, in un rapporto di simbiosi molto particolare.
* La nascita rappresenta una cesura decisiva, un "cambiamento fondamentale dei mondi" (Hans Saner, filosofo, 1995).
*"Un feto non è né una cosa, né un tessuto - non può nondimeno essere assimilato a un essere umano dopo la sua nascita" (PD Dr. Alberto Bondolfi, teologo, in "Walliser Bote", 29.03.96).
*"L'embrione non è quello che potrebbe diventare". (Hans Saner, 1995).

Inoltre tu continui a parlare di uccidere ed ammazzare un essere umano...

L’interruzione di gravidanza non è un omicidio

L'omicidio è un delitto penale, l’uccisione intenzionale di una persona umana. Il codice penale fa precisamente la differenza tra l’embrione e la persona umana invece di assimilarli l’uno all’altra. E’ di conseguenza disonesto qualificare come omicidio l’interruzione di gravidanza chiaramente definita sul piano legale nel quadro della soluzione dei termini. E' inoltre estremamente offensivo essere assimilati a omicida o complici in omicidio per tutte le donne coinvolte, per i loro partner e per i medici.

La decisione di interrompere una gravidanza non è un atto di aggressione a terzi. E’ l’impossibilità, nel presente e nelle circostanze date, di assumersi le responsabilità della maternità, per ragioni sulle quali si è riflettuto a lungo.

Cito in fine la fonte della base del mio discorso: http://www.svss-uspda.ch/it/etica.htm
Notare che non è un sito di comunisti o quant'altro :)

Kayurin ha detto...

Ho detto che non volevo scendere nel dettaglio del giusto o sbagliato riguardo a quegli argomenti, ma intendevo semplicemente far notare che la chiesa' FA' politica...

Poi quanto questo sia giusto o meno, lascio al singolo deciderlo, quanto questo sia utile o meno stessa cosa...

Ma che questo e' un discorso IPOCRITA in uno stato che si professa LAICO non lo possiamo negare...

The_Dreamer ha detto...

Lo stato... lo stato è l'insieme delle persone che abita un certo territorio. Definire uno stato laico fa un po' di tutta l'erba un fascio...

Prima di dover abortire mettete il profilattico anche con la partner abituale. Ma questo te lo dice chiunque, anche il prete!

Il sito parla di svizzera, anche se siamo ad un tiro di schioppo non vuol dire che abbiamo le stesse leggi anche perchè il non-nato per l'ordinamento giuridico italiano ad esempio può essere titolare di diritti di successione per causa di morte art 462 commi 1 e 2 CC
Mi sembra che gli si possano intestare anche dei beni però dovrei fare un'analisi più approfondita del codice. Comunqeu producono gli stessi effetti del nato ovvero se l'embrione muore prima del parto si applicano le leggi sull'estinzione della persona fisica per i diritti patrimoniali del de cuius. Mi sembra che valga anceh per quanto concerne la commorienza: se si prova che il feto (ma qui deve essere sicuramente più sviluppato) è sopravvissuto alla madre anche per pochi secondi (è comunque una probatio diabolica).

Sicuramente se esiste una legge sull'aborto vuol dire che è legale ma non è ugualmente vero che sia una cosa bella. Il figlio può essere disconosiuto non solo dal padre ma anche dalla madre senza problemi, in ospedale metti una firma su un foglio e te ne vai se non hai possibilità o volontà di crescere un figlio

eltarion ha detto...

E' vero che il figlio puù essere disconosciuto o affidato o quant'altro. Il fatto è che non sempre l'aborto è una conseguenza di un rapporto "sprovveduto" ma può essere ad esempio frutto di uno strupro o cose simili. In questo caso l'ammonimento del profilattico ha poca valenza. Inoltre affidare un figlio a quanlcun altro dopo averlo partorito è un qualcosa di veramente difficile e traumatico, molto più di un aborto (questo te lo posso assicurare per diretta esperienza), se hai qualche dubbio chiedilo a delle donne...
Ah solo un'ultima cosa, il fatto che il prete consigli il profilattico è una cosa giusta moralmente ma sbagliata se si parla di fede cristiana. Se uno vuole essere un vero cristiano come bibbia e papa comandano allora deve rispettare le sue leggi in toto. Se uno comincia a prendere un po' di qua e un po' di la e scgliere ciò che più gli piace allora non si parla ne di cristianesimo di di chiesa. Insomma il prete che consiglia il profilattico è una persona in buona fede ma non rispetta i precetti correttamente e quindi non è un prete istituzionalmente parlando.

Kayurin ha detto...

"Definire uno stato laico fa un po' di tutta l'erba un fascio.."

L'Italia e' uno stato Laico perche' tutti i cittadini hanno pari dignita' di fronte alle leggi dello stato indipendentemente da eta', razza, religione o sesso... (Non e' una citazione a memoria ma credo renda l'idea...)

Il che vuol dire che lo stato viene diretto in funzione di un organizzarsi Laico, seppure i suoi cittadini possano essere religiosi o meno... Il potere viene dato con la convinzione che chiunque sia esso religioso o meno viene tutelato...

Questo intendo per stato laico...

The_Dreamer ha detto...

Per Kayurin
E' sicuramente scritto nei diritti fondamentali, il diritto costituzionale non è il mio forte devo dire ^_^.
Lo stato è laico ma chi va a votare sono le persone e quindi teoricamente dovremmo avere anche qualche prete in parlamento... ve lo immaginate i preti che benedicono le poltrone? Da sganasciarsi dalle risate ^_^
Comunque i preti sono anche loro persone, elettori e come io al bar dico la mia idea loro dicono la loro e quella "del partito". Lo si può chiamare anceh così in un modo generico: che cos'è un partito se non un insieme di idee più o meno concrete?
Bossi c'ha la deevolution? Prodi vuole levare l'IRAP? (per dire eh!) La chiesa c'ha la carità! Che poi nessuno dei tre porti fino in fondo quello che dice (non avete idea dello schifo che mi fa, vedere i preti che navigano nell'oro, per fortuna sono pochi) è un altro discorso.

Per Eltarion
Io ho detto che il prete te lo poteva dire di mettere il profilattico solo se messo davanti a una scelta del tipo "mi metto il profilattico oppure faccio abortire mia moglie a ogni piè sospinto".
Per quello che riguarda lo stupro, oltre ad essere ovviamente un reato provoca un danno morale e biologico che nemmeno tutti i soldi del mondo possono sanare. Il frutto di una violenza... ne parlerò con il mio parroco che mi frega sempre, vediamo se mi aiutate a metterlo in difficolatà :)

Kayurin ha detto...

@The Dreamer:

E ci sta' tutto, ma allora:

A) Non si dica che la chiesa non fa' politica...

B) Faccia politica seriamente e scenda a compromessi per il bene del cittadino e non impuntandosi con "dio lo vuole"...

The_Dreamer ha detto...

La tua seconda frase mette a nudo il motivo perchè non può chiamarsi politica quella della chiesa.
La chiesa dice più o meno le stesse cose dalle origini a oggi e il "Buon Cristiano" che crede veramente (non quelli che vanno a messa la domenica per farsi vedere e basta) mette anceh in pratica gli insegnamenti. Quindi il "Buon Cristiano" dovrebbe già sapere cosa fare in base agli insegnamenti in cui crede e la chiesa non avrebbe nemmeno il bisogno di esprimersi ogni volta.
Per la chiesa l'aborto è un male, ma l'inseminazione artificiale lo è, quindi, l'unica cosa che può fare se le dicono di scegliere è rifiutare la scelta e quindi non andare a votare.
La chiesa vuole tutelare la vita e il modo di produrre la vita (quello naturale) in tutte le sue forme. Questo poi ha inevitabilmente un risvolto politico che la chiesa lo voglia o no, in questo caso ha voluto che l'avesse infatti si è schierata con gli astrensionisti.

Kayurin ha detto...

@The_Dreamer:

"La chiesa dice più o meno le stesse cose dalle origini a oggi"

Qui mi permetto di dissentire...

La chiesa una volta diceva che il sole girava attorno alla terra perche' non mi ricordo quale antico Re ebreo l'aveva fermato che gli serviva un po' di luce...

La chiesa una volta diceva che ammazzare un Musulmano ti faceva guadagnare un posto in paradiso...

La chiesa diceva che aveva diritto di decidere o meno la legittimita' dei regnanti per bocca di dio...

La chiesa sbagliava su molti punti ed ha fatto il gesto "coraggioso" (Anche se io lo definisco piu' di comodo tornaconto) di ammettere di avere sbagliato...

Pero' la chiesa e' allo stesso tempo in una situazione difficile ed ipocrita, perche' converrai che adesso che e' stato dimostrato che e' composta di persone che non parlano sotto dettatura del dio infallibile (Perche' per dirne una gli astronauti avrebbero da obiettare qualcosa al papa che parlava del moto celeste...) la gente si pone domande prima di accettare qualsiasi decisione da lei presa... Un tempo si pagavano le decime perche' "dio lo vuole", adesso ti chiedono l'otto per mille "per consentirci di aiutare gli altri"...

Sara' anche generazionale il voler vedere il marcio nelle istituzioni, piu' o meno millenarie come stato o chiesa, ma ora, di questi tempi, lo si vede...

Poi per il discorso politico, ognuno scelga... Io personalmente sono a favore della sperimentazione, se questa puo' portare il benessere allora che ben venga...

funkmachine, il maître ha detto...

Premetto che quanto pubblico ora non ha minimamente lo scopo di offendere chicchesia o di essere polemico. Semplicemente leggendo tra i commenti di questo blog (che tra l'altro trovo molto divertente) ho notato una forte tendenza alla disinformazione e al falso. Vorrei quindi precisare alcune cose, visto che la maggior parte delle argomentazioni non risultano convincenti. In particolare vorrei rispondere a the dreamer con il quale mi trovo in in disaccordo.

"Sai perchè i preti non hanno moglie? Perchè un uomo normale non potrebbe dedicare il tempo agli altri come fa un sacerdote,avrebbe
degli obblighi familiari da eseguire che lo distoglierebbero dal suo dovere".

Per quanto toccante e propagandisticamente corretto possa apparire il quadro descritto da queste frasi è doveroso precisare che si tratta di un falso storico di dimensioni notevoli. Infatti non solo la motivazione è tutt'altra (e decisamente poco nobile), ma in oltre è una teoria che non regge considerando che senza voler cercare lontano al'interno dello stesso cristianesimo ci sono correnti che ammettono il matrimonio per gli amministratori del culto, basti pensare ai pastori protestanti (che sicuramente non trascurano il loro dovere morale piu dei preti cattolici). Ma non voglio essere incompleto, la ragione reale è storica ed è indipendente dalla bibbia (nella quale è anzi suggerita l'unione matrimoniale per tutti gli uomini). Infatti in origine anche i preti cattolici si sposavano ed avevano una famiglia, solo durante il tardo medioevo è stato introdotto il vincolo di castità per i preti, con conseguente impossibilità di congiungersi in matrimonio. E la ragione è semplice: era necessario impedire ai preti di avere discendenza perché in quella contingenza storica si correva il rischio che attraverso l'eredità i beni della chiesa passassero ai figli dei sacerdoti. In sintesi i preti non si sposano perché la chiesa non ha voluto rischiare di perdere le terre che aveva. Il che tra l'altro mi pare legittimo.

"Gli embrioni SONO esseri umani perchè sono VIVI! I mammiferi sono
tutti vivipari, cioè partoriscono figli vivi e la vita comincia
quando lo spermatozoo entra nell'ovulo e lo feconda.
Spiegami la differenza fra un embrione di 1 giorno e uno di 4
mesi (quando non è più possibile eseguire l'aborto salvo casi
eccezionali). Le cellule di quello di un giorno contengono già
tutto il patrimonio genetico di entrambi i genitori e se lasciato
crescere si forma con il passare del tempo. Le cellule nascono
crescono e muoiono come nell'adulto."

Queste affermazioni mi preoccupano fortemente. Innanzitutto visto che lo chiedi, ti prego di informarti meglio sull'evoluzione della vita dal concepimento alla nascita nell'essere umano. Infatti la differenza tra embrione al primo giorno e al 4 mese c'é (anche perché al primo giorno non è nemmeno un embrione). Personalmente ho studiato la questione per anni. Libero di non fidarti, ma in questo caso documentati invece di affermare cose delle quali non hai cognizione perché poi la gente magari ci crede. Comunque questa é solo una precisazione che non influenza la sostanza del dibattito piu di tanto. Perché una volta messi tutti d'accordo quella resta vita, non é un uomo ma é vita. Il punto è un'altro. Per la chiesa la vita non è sacra, mi spiego subito: la vita non è tutta sacra. Gli alberi sono vivi, come lo sono le formiche e tutto il resto. Non solo, ma volendo intendere per vita la vita umana, l'embrione (e ancora di piu l'ovulo fecondato) non possono essere intesi come vita. E questo non solo in senso scientifico!!! è la stessa chiesa cattolica a non riconoscere come vita a tutti gli effetti l'embrione. Infatti gli embrioni non possono essere battezzati, e non rappresentano un soggeto per la chiesa fino ala nascita. Il discorso portato avanti dalla chiesa sulla faccenda è quindi quanto meno ipocrita. Se é vita (umana) battezzali, dico io. Infine trovo raccapricciante il tentativo della chiesa (e dei cattolici) di intromettersi enlle libere scelte della gente. Se Dio ci lascia il libero arbitrio non vedo perché dovreste togliercelo voi. Io non difendo l'aborto (che è una scelta sempre difficile per una donna), ma la possibilità di abortire. Un atteggiamento sano da parte di un credente è quello di non praticare l'aborto ma di rispettare la volontà di un'altro nel volerlo invece fare. é un modo di porsi sbagliato quello di voler mettere fuori legge le cose che non si condividono. Non stiamo parlando di omicidio come vi piace credere per giustificare una volontà di intrusione nella vita degli altri, ma di tutelare le libertà dell'individuo.

"Anche sull'aborto è uguale tu stai cercando di ammazzare tuo figlio
ceh non è solo tuo perchè lo portiin grembo ma anche mio. Quindi
l'ultima parola se proprio vogliamo uccidere qualcosa che è nato
da entrambi spetta a tutti e due i genitori non certo solo alla
madre".

Ancora falso, non solo da un punto di vista legale ma anche morale. Da un punto di vista legale perché nella questione la donna gode (per fortuna!) di un diritto dominante. Ovvero è la sua decisione indipendente quella che conta. La decisione spetta a entrambi nella misura che entrambi devono essere d'accordo. Se é d'accordo solo la donna solo la donna divente genitore, e l'uomo puo tranquillamente sparire. Ora il fatto che la donna porti il figlio in grembo per 9 mesi fa si che se lei non intende farlo é libera di non farlo. Nessuno in nessun caso deve arrogarsi il diritto di imporre a una donna una gravidanza. Ma è cosi evidente la cosa! Basta pensarci un attimo. sarebbe come pretendere che io decida per te di tenerti mio figlio. prendo il bambino e te lo consegno e te te lo devi crescere a tue spese. Perché mai dovrei avere questo potere su di te? Allo stesso modo non vedo perché un partner possa avere questo potere su una donna che merita di decidere della propria vita.

"La chiesa dice più o meno le stesse cose dalle origini a oggi"

Questa l'hanno gia commentata ampiamente, non ci perdo tempo anche perché fondamentalmente é un'affermazione inutile che non dimostra nulla. Ci tenevo però a manifestare il fatto che non mi trovo ancora una volta d'accordo con te. Peccato.

Fondamentalmente la mia idea é che nessun uomo, nee tanto meno un'istituzione come la chiesa o un partito politico o uno stato, dovrebbe tentare di influenzare le libere scelte della gente. Perché solo attraverso la libertà di scegliere in maniera consapevole, e nel rispetto degli altri si puo perseguire la vera felicità, diritto inalienabile di ogni uomo. E poi in caso contrario saremmo solo vittime dell'arbitrio del piu forte. Per esperienza di vita e formazione diffido di chiunque creda di poter spiegare alla gente come si deve comportare.

Concludo complimentandomi con l'autore del il blog, piu si fa satira sul dogma meglio è. Sono stato un po lungo ma dovevo passare la nottata.